Vai al contenuto

Savona: presentata l’Indagine sul Turismo Nautico in Liguria

15 gennaio 2009
Savona - la Torretta

Savona - la Torretta

1.1 È stata presentata a Palazzo Lamba Doria nella sede della Camera di Commercio di Savona l’Indagine sul Turismo Nautico in Liguria curata da Unioncamere Liguria in collaborazione con l’IIC, l’Istituto Internazionale delle Comunicazioni (qui in pdf  lo studio integrale). L’indagine si è svolta nel periodo compreso tra il 15 luglio ed il 15 settembre 2008, in piena stagione estiva, periodo in cui sono state realizzate da personale specializzato 250 interviste dirette sulla scia di un questionario (sono stati intervistati diportisti nei porti di: San Remo – Porto Sole (IM) – 34; Marina degli Aregai (IM) – 36; Marina di Varazze (SV) – 43; Genova – Molo vecchio (GE) – 22; Genova – Porto Antico (GE) – 24; Santa Margherita (GE) – 35; Lavagna (Ge) – 33; Portovenere (SP) – 1; Porto Lotti (SP) – 22).

Con riferimento alle nazionalità dei diportisti, la maggioranza degli utenti dei porticcioli liguri sono italiani (71%), seguiti dai francesi (14%) e dagli Inglesi (11%), sottolinea il sunto dei principali risultati emersi dall’indagine: “Le imbarcazioni sono di proprietà in circa l’80% dei casi. E’ interessante rilevare come il 72% dei diportisti che sono venuti per la prima volta in Liguria abbia utilizzato barche in chartering. Dall’indagine è, inoltre, emerso come la permanenza media dei diportisti in transito sia di 2 giorni. Con riferimento alle spese effettuate nei porticcioli oltre il 50% viene speso in ristorazione. La spesa media per diportista ammonta a circa 140 euro. Alquanto curioso è il dato relativo ai luoghi maggiormente visitati: le spiagge e gli stabilimenti balneari sono i più ricercati, mentre, in generale, i diportisti non escono dai porticcioli per visitare i centri storici o l’entroterra. Infine il 90% degli intervistati tornerebbe in Liguria o ne consiglierebbe la visita”.

1.2 Negli ultimi anni il settore della nautica da diporto ha conosciuto performance di crescita estremamente interessanti; anche l’offerta di posti barca è in continuo aumento con numerosi progetti di “porticcioli turistici” in via di realizzazione lungo le coste italiane. I dati ufficiali del Ministero dei Trasporti e dell’UCINA (2008) parlano di oltre 141 mila posti barca disponibili in Italia con un aumento di oltre il 8,3% rispetto al 2005 (gli ultimi dati ufficiali disponibili sono aggiornati al 31.12.2006). La Liguria è la regione italiana con il maggior numero di posti barca (24.658 posti barca); le altre regioni italiane nelle quali la crescita dell’offerta di posti barca è stata significativa sono la Toscana (20.155), la Campania (15.004), la Sardegna (13.151) e la Sicilia (13.849).

In questo contesto vale la pena ricordare che il settore della cantieristica da diporto italiana è ai vertici mondiali in termini di unità prodotte e di valore della produzione. Anche se buona parte della produzione italiana è realizzata per l’esportazione, il numero delle imbarcazioni da diporto in esercizio nel Mar Mediterraneo è in continuo aumento (molte barche ormeggiate nei porti sono prodotte in Italia anche se battono bandiere di altri paesi). Il settore in Italia ha generato un indotto pari a circa 5,55 miliardi di euro nel 2007 (+13,2% rispetto al 2006).

Va rilevato che per ottenere importanti ricadute economiche sui territori interessati dal fenomeno, la sola presenza di posti barca attrezzati non è sufficiente, in un contesto di forte concorrenza da parte di territori vicini (si pensi alla Costa Azzurra). Oltre alla disponibilità degli ormeggi è infatti necessaria la presenza di una serie di servizi di supporto al settore e di servizi turistici più in generale.

A titolo di esempio si cita un’iniziativa in corso di progettazione attraverso un partenariato costituito dalle Camere di Commercio di Savona e Imperia e Nizza, relativa alla predisposizione di una piattaforma di prenotazione dei posti barca su tutto il bacino di navigazione compreso tra Marsiglia e Genova, denominato Resaports. A regime sarà possibile prenotare di giorno in giorno un posto barca in un porticciolo via internet (sia attraverso un PC, sia con un palmare o un semplice telefono cellulare) e attraverso un call center multilingua centralizzato che potrà fornire anche informazioni turistiche ai diportisti.

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: