Skip to content

Liguria, turismo religioso sulle tracce della via Francigena: presentato al Josp Fest di Roma il progetto interregionale

16 gennaio 2009

europa_mappa_via_francigena_01Presentato al Josp Fest, il Festival Internazionale degli Itinerari dello Spirito e del turismo religioso in corso alla Fiera di Roma, un progetto interregionale per promuovere l’offerta turistica, tra storia, arte, architettura, collegata all’antico itinerario storico e giubilare della via Francigena, un tracciato originario lungo 1800 km, dalla contea inglese di Kent, a Roma, passando dalla Francia e dal confine svizzero, sulle orme di Giulio Cesare e Napoleone. Una strada di avvicinamento alla Terra Santa intrapresa in passato da abati, monaci, mercanti, eserciti e migliaia di pellegrini e percorsa , per la prima volta, nel 990, dall’Arcivescovo di Canterbury per recarsi in visita a Papa Giovanni IX.

Il progetto, co-finanziato dal Dipartimento Turismo della Presidenza del Consiglio, vede l’adesione delle Regioni Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Emilia Toscana, Lazio e Liguria. Un modello, è stato detto, condiviso a livello locale da Regioni, Province e Comuni e dallo Stato che fa della via Francigena un esempio di turismo sostenibile europeo e “federalista”.

liguria_via_francigena_01L’obiettivo comune è quello di dare visibilità e la massima fruibilità a un itinerario da trasformare in una vera e propria infrastruttura turistica lungo tutto il percorso – da percorrere a piedi, in bicicletta, a cavallo e in auto, nei tratti consentiti – con una segnaletica adeguata, posti tappa, rete informativa e servizi. Il tratto della Via Francigena che interessa la Liguria riguarda l’estremo Levante, si estende da Aulla fino a Sarzana, Santo Stefano Magra e Luni, quest’ultima importante aerea archeologica romana e antico porto da cui partivano le navi cariche di marmo, vini, formaggi, legnami dirette a Roma.

All’incontro di presentazione, aperto dal direttore generale dell’Enit Eugenio Magnani, sono intervenuti l’amministratore delegato dell’Opera Romana Pellegrinaggi padre Caesar Atuire, gli assessori al Turismo delle Regioni Toscana (capofila del progetto) e Liguria Paolo Cocchi e Margherita Bozzano e Massimo Tedeschi, presidente dell’Associazione Europea delle Vie Francigene.

Una Regione Liguria “accolta con molto calore dagli organizzatori del Josp Fest” che ha ospitato anche un incontro con monsignor Angelo Comastri, Vicario Generale del Papa per la città del Vaticano, la cui Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa, nel 2005, chiese ai floricoltori della Liguria, in occasione del 150° anno del dogma dell’immacolata Concezione, di produrre, in esclusiva, la Rosa Mystica per ornare perennemente i più importanti santuari mariani del mondo.

“Valorizzare il tracciato della via Francigena, strada antica per pellegrini moderni – ha spiegato l’assessore al Turismo della Regione Liguria Margherita Bozzano -, vuol dire venire incontro a una vacanza sostenibile e responsabile, che privilegia il senso e il valore del turismo del cammino, una dimensione del viaggio lenta, umana, espressione di una tendenza che si sta affermando in tutto il mondo e che la Liguria punta a intercettare, anche pensando a un progetto per promuovere un altro itinerario che attraversa, però, la Liguria intera: quello da Santiago de Compostela a Roma”. “La via Francigena – ha concluso Margherita Bozzano – effettivamente, appartiene a chi la percorre, con spirito religioso o laico. Promuoverla significa offrire ai nostri ospiti la possibilità di impadronirsi della cultura del territorio, dei suoi prodotti tipici e delle eccellenze dei borghi attraversati”.

Al Josp Fest di Roma l’assessorato al Turismo e l’Agenzia di Promozione Turistica “In Liguria” ha presentato anche un cofanetto con cinque guide – edite da Aba Libri- dedicate ai luoghi dello spirito con itinerari alla scoperta di centinaia di abbazie, conventi, monasteri, santuari, chiese, tradizioni, presepi, feste popolari e un volumetto dedicato alla via Francigena (vedi il precedente post Liguria, turismo religioso: nuove pubblicazioni in occasione del Festival Internazionale degli itinerari dello Spirito). Frattanto, da Genova si è fatto vivo Gabriele Gualco, il giovane ciclista di Campo Ligure che due anni fa, in bicicletta ha pedalato per diecimila chilometri In Europa, il Circolo Polare Artico. Gualco sta pensando a un prossimo tour a piedi lungo la via Francigena, da Canterbury a Roma. Con addosso la maglietta della Liguria, naturalmente.

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: