Vai al contenuto

Liguria, giovani e memoria storica: a Genova esuli e studenti ricordano le foibe

9 febbraio 2009

Lo scorso 30 gennaio al Teatro della Gioventù oltre 400 studenti di sei scuole genovesi (liceo scientifico statale King, liceo classico paritario Bernini, liceo artistico statale Klee-Barabino, istituto alberghiero Bergese, istituto tecnico Vittorio Emanuele-Ruffini e istituto nautico statale) hanno partecipato ad una iniziativa organizzata da Aned, l’Associazione nazionale deportati, in collaborazione con il Consiglio regionale ligure in occasione del delle manifestazioni per il “giorno della memoria”, la ricorrenza istituita nel 2000 in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico, dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti.
Un modo per stimolare i giovani a riflettere su un capitolo tragico della storia del Novecento anche attraverso la testimonianza non solo libresca ma umana – diretta e indiretta – di chi quel periodo storico lo ha vissuto (fra gli ospiti erano presenti anche Raimondo Ricci, deportato a Mauthausen e presidente dell’Istituto ligure per la Storia della Resistenza, e Mario Puppo, figlio di un deportato morto a Dachau e vicepresidente dell’Aned di Genova).
“La grande sofferenza di chi ha subito la tragedia contribuisce affinché la memoria di quanto è accaduto diventi coscienza condivisa dalle nuove generazioni, perché questo immenso dramma non si abbia a ripetere”, disse in quell’occasione il presidente del Consiglio regionale Giacomo Ronzitti.
Stesso principio muove sostanzialmente l’incontro che si terrà domani – sempre al Teatro della gioventù – per celebrare questa volta la Giornata del ricordo, dedicata alle foibe, alle vittime della persecuzione attuata nella Venezia Giulia e Dalmazia, giusto nell’immediato secondo dopoguerra, contro la popolazione italiana. Durante la cerimonia, prevista dalla legge regionale 29 del 24 dicembre 2004, saranno premiati i 31 studenti di scuola media superiore della Liguria vincitori dell’ottava edizione del concorso “Il sacrificio degli italiani della Venezia Giulia e della Dalmazia: mantenere la memoria, rispettare la verità, impegnarsi per garantire i diritti dei popoli” organizzato dal Consiglio regionale. Al termine della cerimonia saranno conferite le targhe in memoria di Ernesto Bruno Valenziano, vicepresidente del Consiglio regionale.

PROGRAMMA DELLA CERIMONIA
Intervento del Presidente dell’Assemblea legislativa Giacomo Ronzitti
Saluto del presidente della Regione Claudio Burlando
Intervento di Claudio Eva, presidente del Comitato provinciale genovese dell’Associazione nazionale Venezia Giulia Dalmazia (Anvgd)
Intervento Sandro Pellegrini, storico A.n.v.g.d.
Intervento Fulvio Mohoratz, presidente regionale A.n.v.g.d.
Intervento di Giovanni Radossi, Direttore Centro Ricerche Storiche Rovigno
Premiazione degli studenti vincitori concorso
Conferimento targhe “Premio Ernesto Bruno Valenziano”

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: