Skip to content

Nel 1979 usciva The Logical Song dei Supertramp: in due battute, il testo e un video

31 maggio 2009

“Quando ero giovane, la vita mi sembrava così meravigliosa, / un miracolo, oh era splendida, magica. […] Ma poi mi mandarono lontano per insegnarmi come essere giudizioso /logico, responsabile, pratico […]”

Scritta e cantata da Roger Hodgson, la canzone The Logical Song è uno dei più celebri pezzi incisi dai britannici Supertramp nell’album Breakfast in America (1979, etichetta A&M). Qualche suono è datato, le parole e le immagini nella loro semplicissima geometrica struttura magari non raggiungono esattamente la sublime poesia nemmeno a concedere una chiave di lettura molto naïf (ma chissà perché, mi viene in mente Pascoli…) e tuttavia, in trentanni, nella società (o meglio: in una parte consistente della società) davvero è cambiato molto (in meglio)? Sarà anche – ammettiamolo – una canzone debitrice a suo modo di un nostalgico improbabile mito romantico delle origini, saranno personali ricordi della tarda infanzia e della prima adolescenza, ma tant’è: a me qualche emozione questa canzone ascoltata non so quante centinaia di volte, riesce ancora oggi a regalarmela. Anche stasera.

When I was young, it seemed that life was so wonderful,

A miracle, oh it was beautiful, magical.

And all the birds in the trees, well theyd be singing so happily,

Joyfully, playfully watching me.

But then they send me away to teach me how to be sensible,

Logical, responsible, practical.

And they showed me a world where I could be so dependable,

Clinical, intellectual, cynical.

There are times when all the worlds asleep,

The questions run too deep

For such a simple man.

Wont you please, please tell me what weve learned

I know it sounds absurd

But please tell me who I am.

Now watch what you say or theyll be calling you a radical,

Liberal, fanatical, criminal.

Wont you sign up your name, wed like to feel youre

Acceptable, respecable, presentable, a vegtable!

At night, when all the worlds asleep,

The questions run so deep

For such a simple man.

Wont you please, please tell me what weve learned

I know it sounds absurd

But please tell me who I am.

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: